La Fibrosi Cistica

Ospedale materno-infantile. Informazioni sulla struttura e sui servizi, notizie sulle attività svolte.

Azienda Ospedaliera Universitaria - Ospedali Riuniti di Ancona
Riferimeni AOU di Ancona
Relazioni con il pubblico
Mappa dell\'ospedale
Come raggiungerci
Home » A.O.U Ospedali Riuniti Ancona » Archivi » Approfondimenti » lettura Approfondimenti

Come fare per

Informazioni utili

Argomenti più consultati

Comitato Etico Regionale Marche
Progetto IN.MEDIAs.RES
Approfondimenti
La Fibrosi Cistica
Anno di pubblicazione: 2013


LA FIBROSI CISTICA
La Fibrosi Cistica (FC) è una malattia che in molte popolazioni europee colpisce circa 1 bambino su 2.500. Oggi in Italia si possono contare più di 5.000 pazienti affetti da FC. La Fibrosi Cistica è una malattia a trasmissione autosomica recessiva che colpisce in egual misura entrambi i sessi. La malattia si manifesta nei soggetti che hanno ereditato due geni della fibrosi cistica, uno da ciascun genitore. I soggetti che presentano una mutazione solo in una copia del gene della fibrosi cistica sono detti “portatori sani (eterozigoti)” e sono perfettamente normali. Un bambino affetto da fibrosi cistica può nascere solo quando entrambi i genitori sono “portatori” di una mutazione del gene della fibrosi cistica (gene CFTR). I sintomi e la gravità della malattia variano notevolmente da una persona all’altra. La fibrosi cistica colpisce molti organi, ma causa maggiori problemi ai polmoni, al pancreas, all’intestino e al fegato. Per questa malattia non esiste ancora una cura risolutiva, anche se la ricerca ha compiuto notevoli progressi soprattutto in campo farmacologico mettendo a disposizione sempre nuovi principi attivi in grado di contrastare o ritardare la comparsa delle più temute complicanze della malattia di base.
Essendo una patologia sistemica e multiorgano, da molti anni si è compresa l’importanza di definire un modello di assistenza di tipo multidisciplinare e multiprofessionale con profilo di alta specializzazione.
In Italia la Legge 104/92 obbliga lo screening neonatale per la fibrosi cistica e la Legge 548/93, obbligando le Regioni all’istituzione di centri di cura specializzati, definisce le misure di prevenzione e di cura per la fibrosi cistica, garantisce la tutela dei malati sotto il profilo dell’assistenza, della spesa sanitaria, della pari dignità sociale.
Grazie a questi interventi oggi la fibrosi cistica è una malattia che può essere diagnosticata precocemente grazie alla diagnosi prenatale e allo screening neonatale, può essere vissuta dai pazienti e dai loro famigliari con una qualità di vita sicuramente migliore, grazie alla presenza nei centri di cura di personale specializzato nel supporto psicologico e socio sanitario.
Solo il continuo aggiornamento professionale degli operatori sanitari dei centri di cura e dei servizi collegati ad esso può garantire un approccio globale ed adeguato al paziente FC.

Autore
Telefono: +39 071 596 2035

Argomenti: Patologia, Screening

Leggi anche

Congressi seminari e corsi correlati

Non ci sono congressi seminari e corsi correlati

Approfondimenti correlati

Questa pubblicazione vuole sottolineare come nelle malattie allergiche dell’apparato respiratorio sia indispensabile ....
Nella figura sono disponibili alcune immagini delle piante ed i loro tempi di fioritura
Nella figura sono disponibili alcune immagini al microscopio degli acari ed i periodi di maggior presenza in ambienti domestici

Primi piani correlati

Non ci sono primi piani correlati

Comunicati stampa correlati

Non ci sono comunicati stampa correlati
- Inizio della pagina -
Trasparenza Privacy Segnala un problema o invia un suggerimento
Il progetto AOU - Ospedali Riuniti di Ancona è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it